KOMORI ITALIA

Macchine offset a foglio
VIA E FERMI 44 - 20090 - ASSAGO (MI)
tel: 024888481 | fax: 0245713045
La storia di LitoQuick si basa su profonde radici, fatte di esperienza e passione, tramandate attraverso due generazioni di tipografi. Un'arte antica che oggi si avvale di tecnologie all'avanguardia, tra le ultime installazioni la nuova Komori Lithrone G29 che combina le tecnologie di polimerizzazione HUV per rendere nobili gli stampati.
LitoQuick, nasce nel 2011 dall’unione e di due storiche aziende piacentine: Tipografia Cassola e Tipografia Artigiana del Libro, dando corpo all’intuito dei tre titolari e soci fondatori Michele Fabrizi, Danilo Fabrizi e Massimo Fracchioni.
Negli anni, avviene la trasformazione da piccole aziende artigiane ad una realtà imprenditoriale grafica di medie dimensioni, capace di offrire flessibilità e affidabilità.
La produzione di LitoQuick spazia infatti dalla produzione di stampati commerciali a quelli più complessi e strutturati come brochure, cataloghi, libri, riviste, stampa e produzione packaging.
L’azienda è in grado sviluppare progetti grafici in autonomia, gestire mediante analisi i file di stampa giunti da agenzie di comunicazione, fornire prove colore certificate.

I PUNTI DI FORZA
L’azienda vanta un punto di forza nella gestione completa del ciclo produttivo di stampati sia nel campo offset che nel digitale. Gli stampati forniti da LitoQuick garantiscono un forte impatto visivo grazie ad effetti speciali realizzati attraverso lamine a caldo, fustellature personalizzate, spiralature di calendari, mediante macchinari con linea automatica, stampa a secco e rilievo, intercalatura, raccolta e cucitura a punto metallico, brossura a colla.
La clientela si compone di studi grafici, agenzie di comunicazione clienti diretti.
I punti di forza sono la ricerca della qualità degli stampati, raggiunta offrendo celerità e massimo controllo nella gestione del colore, supporto alle problematiche del Cliente con possibilità di assistere ad avviamenti stampa, consulenza relativa alla migliore gestione e realizzazione anche attraverso template dei file atti alla produzione degli impianti stampa. 

IL VALORE DELLA TECNOLOGIA
Da sempre tra i punti di eccellenza dell’azienda vi è il continuo aggiornamento tecnologico. Il parco macchine conta attrezzature che coprono tutto il ciclo produttivo dalla prestampa - con il CTP completo di workflow con CIP 4 e annessa sviluppatrice, sistema di prova colore contrattuale, stampante digitale e due plotter - fino alla finitura con una legatoria ben strutturata e bene organizzata. 
Il cuore produttivo del processo è la sala stampa che oltre a 3 macchine offset un sistema per stampa a caldo a più colori contemporaneamente, una pianocilindrica per fustellature, una platina per laminature a caldo nel piccolo formato.

LA NEW ENTRY KOMORI G29 HUV
New entry nel reparto stampa è la nuova Komori G29 HUV bivalente 5 colori con spalmatore e impianto HUV e IR, nella configurazione top di gamma, dotata anche di un controllo qualità off-line (PDC-SX per densità, spettrofotometria e registri) e di un controllo con telecamera ad alta precisione in-line (PQA che esegue i medesimi controlli in tiratura). Dispositivi che insieme alla estrema robotizzazione e alla tecnologia HUV rendono unica questa installazione in Italia.
“Abbiamo deciso di investire nella tecnologia HUV proprietaria di Komori per la rapidità con cui i lavori si asciugano e possono passare velocemente alla confezione – spiegano i titolari. - La qualità di stampa e la certezza di evitare problematiche dovute all’asciugatura degli inchiostri è stato il fattore che ci ha convinto maggiormente. In sostanza possiamo, in tempi molto più rapidi di prima, stampare e confezionare lavori anche con coprenze di inchiostro notevoli e confezionare gli stessi subito dopo la stampa senza comprometterne il risultato finale. Inoltre, con la configurazione della nostra Komori Lithrone G29 possiamo utilizzare e proporre tutte le possibilità di impiego delle verniciature sia HUV che UV, siano esse Drip Off o semplici verniciature a riserva su svariati supporti, compresa la plastica. Questa attrezzatura ci consente di spaziare dagli stampati di qualità, come cataloghi e depliant, alla stampa e nobilitazione degli stessi e dei prodotti destinati al packaging”.

UNA PARTNERSHIP VINCENTE
Per quanto riguarda Komori, LitoQuick da 12 anni collabora con la filiale italiana del costruttore nipponico. L’azienda infatti in passato aveva già avuto in dotazione due macchine. 
“Il nostro rapporto con Komori è di lunga durata – spiegano alla LitoQuick. –Abbiamo intrapreso una partnership con loro oltre una decina di anni fa, questo ci ha permesso, nel corso del tempo, di aumentare la nostra competitività a livello locale. Ora con questo nuovo investimento Litoquick ha sicuramente la possibilità di poter fronteggiare in maniera più adeguata i cambiamenti che il nostro settore ci impone e di essere meglio posizionati tecnologicamente con le esigenze di tempistiche sempre più compresse per la produzione di stampati anche di alta gamma senza tralasciare le nobilitazioni degli stessi che il mercato moderno richiede. In quest’ottica, crediamo fortemente di aver intrapreso, grazie anche al supporto di Komori, la strada giusta”.
Komori ha seguito e assistito l’azienda in tutte le fasi sia pre che post vendita, dimostrandosi attenta alle esigenze del mercato in cui opera LitoQuick. E proseguono: “Ormai possiamo dire di aver intrapreso, insieme a Komori, una strada tracciata nel solco della ricerca della qualità, della migliore tecnologia disponibile e della rapidità che questa consente di raggiungere”.
“A fronte di questo nuovo investimento, - concludono - pensiamo che LitoQuick abbia dimostrato di essere un’azienda coraggiosa per il momento congiunturale non positivo che stiamo vivendo. Ma, soprattutto, è attenta alle esigenze della propria clientela e tecnologicamente innovativa in un panorama produttivo spesso troppo standardizzato e legato a vecchi sistemi produttivi. In quest’ottica, LitoQuick, percorrendo una strada ambiziosa e sicuramente non facile, ha scelto il continuo aggiornamento tecnologico come antidoto ai repentini cambiamenti di un mercato sempre più digitale e connesso”.



Nella foto, da sinistra: Danilo Fabrizi, Paolo Colnaghi (agente Komori) Massimo Fracchioni e Michele Fabrizi.
© Copyright 2019. PrintPUB.net - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy