L’industria cartaria europea tra innovazione e ambiente

7 settembre 2017
In occasione della presentazione del rapporto “To our root & beyond” al Parlamento europeo, CEPI Confederazione Europea dell’Industria Cartaria punta sull'innovazione e la riduzione delle emissioni di carbonio.
Innovazione nel campo dell'efficienza energetica e dell'economia circolare. Questo quanto illustrato il 5 settembre, a Bruxelles, dalla CEPI – Confederation of European Paper Industries – con la presentazione del report “To our root & beyond” al Parlamento europeo, alla presenza di parlamentari e stampa. Forte riduzione delle emissioni, utilizzazione dei sottoprodotti, recupero dei fanghi per fare energia: questi alcuni dei temi dei case studies inseriti nel report riguardanti tutta Europa, esemplificativi delle innumerevoli innovazioni che l'industria cartaria sta portando avanti.

Il report, denominato “To Our Roots and Beyond. Reducing emissions for the society 2050”, si focalizza sul ruolo chiave dell’industria cartaria nella riduzione delle emissioni di CO2 nell'ottica della bioeconomy. Le realizzazioni sono 14 case studies provenienti da 10 Paesi Europei, per l’Italia la cartiera Ideal Cart Spa con il suo progetto innovativo “Reducing gas consumption through steam harmonization”. “Un investimento importante per una azienda in crescita come la nostra”, afferma Luca Loccia Responsabile di Stabilmento di Ideal Cart Spa, “che dimostra il nostro impegno nella riduzione delle emissioni di CO2 in linea con gli obiettivi europei al 2050”.

“L’industria italiana ed europea dimostra infatti con questa iniziativa la volontà di perseguire l’impegno assunto con il lancio della Roadmap 2050 lo scorso giugno durante l’Assemblea di Assocarta a Roma. Una tabella di marcia messa a punto da CEPI Confederazione Europea dell’Industria Cartaria che traccia ed analizza i percorsi di investimento che l’industria dovrebbe seguire per raggiungere l’obiettivo dell’80% di emissioni di carbonio in meno creando al contempo il 50% in più di valore aggiunto entro il 2050”, spiega Massimo Medugno, DG Assocarta, a margine della presentazione dei progetti innovativi svoltasi il 5 settembre scorso a Bruxelles presso alcuni MEPs al Parlamento Europeo.

© Copyright 2010-2017 BE-MA - Tutti i diritti riservati - Privacy policy
BE-MA editrice - 20128 Milano - via Teocrito 47 - tel +39 02 252071 - Fax +39 02 27000692