Lastre Kodak per i libri di Pareto Print

7 aprile 2017
Il centro di stampa editoriale russo Pareto Print si è affidato a Kodak per la fornitura delle attrezzature del reparto di prestampa e delle lastre Kodak Sonora XP Process Free, diventando il maggior consumatore singolo di questa tecnologia nel mondo.
Pareto Print, con sede a Tver, circa centosettantacinque chilometri a nord-ovest di Mosca, è uno dei più moderni centri di stampa editoriale della Russia. Situato direttamente sull’arteria principale che collega Mosca a San Pietroburgo, l’azienda raccoglie circa il 18% della domanda di stampa editoriale, con una produzione di 5,5 - 6 milioni di libri e riviste al mese. Lo scorso anno, Pareto Print ha aggiornato la propria produzione di lastre passando alle lastre Kodak Sonora Process Free e diventando il maggior consumatore singolo di questa tecnologia nel mondo.

Pareto Print è uno dei principali centri di stampa editoriale della Russia, con una quota di circa il 18% del mercato interno. Oltre a questa impressionante quota di mercato russo, l’azienda stampa anche il 30% dei libri di testo più il 10% di editoria varia del Kazakistan e serve molti altri stati della Russia post-sovietica.
“Abbiamo messo in piedi Pareto Print nel 2008, dopo avere notato che una crescente percentuale di libri andava alle stampe presso stampatori non russi. Questo accadeva perché allora gli stampatori russi non erano in grado di soddisfare le esigenze di qualità degli editori, sia in termini di stampa che di finitura. Riconoscendo questo difetto, decidemmo di aggiornare senza compromessi la nostra intera produzione con le più recenti novità tecnologiche. Era chiaro che per avere successo dovevamo riuscire a mettere in campo attrezzature e qualità di stampa almeno pari a quelle di qualunque buon stampatore tedesco o italiano, se non migliori. Questa strategia si è rivelata efficace e il risultato è che le commesse russe per la stampa di libri il cui contenuto è parzialmente a colori oggi arrivano quasi tutte a noi”, afferma con orgoglio Pavel Arseniev, il CEO di Pareto Print.

Tutti gli indicatori sono in crescita
Oggi, la struttura dell’azienda di Tver copre 25.000 metri quadrati, inclusi magazzino e amministrazione. La stampa dei libri è predominante, sebbene nella struttura si stampino anche diverse riviste. La produzione viene portata avanti con l’ausilio di otto macchine da stampa offset a foglio e quattro a bobina. Due linee di finitura – una Müller Martini e una Kolbus – vengono utilizzate per produrre le copertine rigide, per una capacità di circa 2,5 milioni di libri al mese. Altri 2,2 milioni di copertine morbide e brochure in brossura vengono stampati su sistemi Müller Martini Bolero. La capacità di stampa di Pareto viene poi completata da 2,5 milioni di brochure con cucitura a sella.
In Pareto Print, 700 persone lavorano 24 ore al giorno su quattro turni per 365 giorni all’anno. Sono già allo studio i piani per un’ulteriore crescita. Attualmente è in costruzione un nuovo edificio che verrà destinato alla stampa di robusti libri in cartoncino per bambini. Inoltre, è già prevista la costruzione di un secondo edificio di 1.500 metri quadrati.
“Abbiamo tanto spazio a disposizione per poterci espandere. La nostra quota di mercato in Russia è già più che sostanziosa ed è per questo motivo che stiamo cercando opportunità di espansione anche in altre regioni. Attualmente, dall’Europa orientale riceviamo solo poche commesse e questo è un trend che vogliamo fortemente provare a cambiare. Nello specifico, intendiamo incrementare la proporzione di commesse internazionali al 30% nei prossimi due anni”, ci spiega Arseniev.
Esplicitamente a questo scopo, si stanno creando nuovi uffici vendita in diversi paesi europei. Pareto Print inizierà da Austria, Germania, Francia e Regno Unito per poi procedere in Svizzera e Paesi Bassi.

Una prestampa di eccellenza
Quando si produce su questa scala, tutto deve procedere in modo assolutamente perfetto e il reparto della prestampa non può certo fare eccezione. Il centro di stampa editoriale russo si è affidato a Kodak per la fornitura delle attrezzature del reparto di prestampa e nell’estate del 2016 venne deciso il passaggio alle lastre Sonora XP Process Free. Alla luce dell’enorme consumo di lastre dell’azienda – almeno 300.000 metri quadrati all’anno – si trattava di una decisione di grande impatto.
“Non era semplicemente una manovra di marketing: il fatto è che noi eravamo profondamente convinti dei benefici, anche se i nostri clienti russi in realtà non è che si curassero molto poi degli aspetti ambientali. Quando NCL, il distributore russo di Kodak, ci diede una dimostrazione dettagliata di ciò che le lastre process free potevano fare, capimmo immediatamente che i benefici sarebbero stati immensi. La lastra ci ripaga con un processo estremamente stabile e prevedibile che sono certo deriva almeno in parte dall’eliminazione della chimica e di tutti i fattori ad essa collegati. Nel contempo, la nostra produttività è aumentata notevolmente e i nostri costi si sono altrettanto notevolmente ridotti. Al nostro livello di consumo delle lastre, i risparmi sono davvero enormi”, conclude Arseniev.
Le lastre vengono esposte su un sistema CtP Kodak Magnus VLF 4570 Quantum, velocità Z, e un sistema CtP Magnus VLF S4 5183Q, velocità Z, ciascuno dotato di unità a più cassetti in grado di contenere fino a 300 lastre. Pareto Print utilizza anche il software Kodak Prinergy Workflow con le opzioni Color Management e Ink Optimizer.


References->Players: KODAK
© Copyright 2019. PrintPUB.net - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy