Sitma Machinery, un approccio bio-sostenibile

4 aprile 2019
Sitma Machinery, specializzata nella progettazione e costruzione di macchine, sistemi e linee complete per i settori packaging, post-press, dm/transpromo ed e-logistics, rafforza il proprio impegno a favore delle tecnologie eco-sostenibili. Negli ultimi anni l’azienda ha investito fortemente per trovare un’alternativa al confezionamento coi tradizionali materiali termoplastici, trovando una risposta in grado di conciliare sostenibilità, costi di produzione e performance meccaniche.
Da sempre, l’azienda di Spilamberto, in provincia di Modena, ha fatto dell’attenzione all’ambiente uno dei propri precetti, mettendola al centro delle strategie di sviluppo del prodotto. Ciascuno dei quattro “pillars” attorno a cui ruotano le attività dell’azienda è infatti interessato dall’impiego di materiali per il confezionamento, suscettibili, particolarmente nel caso della plastica, di contribuire all’inquinamento globale. Per questo, l’azienda ha deciso di mettere in atto analisi comparative, valutando i pro e i contro di diversi materiali, alla ricerca di quello ottimale tanto dal punto di vista delle performance quanto della sostenibilità.
A fronte di tale studio Sitma ha scelto di privilegiare la strada della carta. Le caratteristiche intrinseche di tale materiale, tra cui la biodegradabilità nel giro di poche decine di giorni, oltre alla rinnovabilità della fonte produttiva, ne fanno infatti la soluzione con maggiori benefici per l’ambiente. Scegliere la carta significa promuovere lo sviluppo dell’industria boschiva in quanto fonte di approvvigionamento, sostenendo allo stesso tempo la filiera del riciclo e incoraggiando da ultimo la nascita di figure professionali orientate ad un approccio sostenibile. Impiegare un materiale per l’imballaggio ad alto livello di sostenibilità significa non solo andare incontro alle esigenze dell’ambiente, ma anche a quelle che sono le aspettative del consumatore e le normative europee.
Lo step successivo compiuto da Sitma è stato quello di aggiornare le proprie soluzioni di confezionamento per essere in grado di impiegare la carta in alternativa al film o film bio - materiali che comunque possono continuare ad essere utilizzati dalla line-up di sistemi che propone l’azienda – offrendo così alternative poco invasive e convenienti ai propri clienti.
Sitma ha sviluppato un processo che consente di confezionare oggetti di formati diversi sulla stessa macchina, abbracciando un mercato che va dalle buste ai pacchetti spediti tramite e-commerce, fino ai beni di largo consumo. Nello specifico, l’ambito pilota in cui Sitma ha sviluppato il confezionamento tramite carta è quello delle riviste, ma l’azienda sta implementando tale tecnologia anche nel settore della logistica e del packaging generalista, supportando la transizione verso l’utilizzo della carta promuovendo ad esempio le buste anche come tipologia di imballo. Grazie al retrofit ideato da Sitma, l’utilizzo della carta – nella maggior parte dei casi – non richiede di cambiare macchine o linea produttiva, e garantisce un confezionamento di qualità, ottenendo un prodotto con caratteristiche conformi agli standard degli imballi con film, in termini di protezione, requisiti estetici e opportunità di personalizzazione. Sitma ha infatti sviluppato il sistema in modo che sia retro-compatibile con le macchine già in uso, che impiegano film plastico o bio. Anche il comparto software può essere integrato con le piattaforme pre-esistenti, eliminando di conseguenza i costi derivanti dall’acquisto ex-novo. Ultimi ma non ultimi i benefici per l’ambiente: la tecnologia Sitma è infatti in linea con i regolamenti per i ridurre il “carbon footprint” derivante dai processi industriali, che sempre di più si sta spostando verso un approccio di Product Lifecycle Management.

Players: SITMA MACHINERY
© Copyright 2019. PrintPUB.net - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy