Il futuro dei giovani nell’industria della stampa

23 giugno 2022
I prodotti stampati sono essenziali, così come le persone che li creano. Per questo motivo, Intergraf insieme ad altri partner ha redatto un progetto per sostenere il sostiene il reclutamento e l'occupazione in Europa nel settore grafico. Vediamo quali sono stati i risultati…
Per garantire la competitività del settore grafico in Europa, le industrie grafiche devono lavorare insieme per promuovere l'immagine della stampa e garantire la formazione per ispirare le generazioni future. 

"Print your future project", coordinato da Intergraf insieme a UNI Europa Graphical & Packaging, sostiene il reclutamento e l'occupazione in Europa nel settore grafico per aiutare le aziende ad assumere i migliori talenti e garantire un futuro luminoso per l’industria della stampa. Il progetto si è concluso dopo due anni di lavoro.

Il progetto

Print Your Future (www.printyourfuture.eu) è stato ideato e coordinato dai partner europei del settore grafico: Intergraf (in rappresentanza degli imprenditori) e UNI Europa Grafical & Packaging (a rappresentanza dei lavoratori). 

Il progetto è stato finanziato dalla Commissione Europea Direzione generale per l'Occupazione, gli affari sociali e l'inclusione, e con il supporto di quattro esperti nazionali: l'Associazione dell'industria estone della stampa e dell'imballaggio - AEPPI (Estonia), Università dei media di Stoccarda (Hochschule der Medien Stuttgart) (Germania), GOC (Paesi Bassi) e Associação Portuguesa das Indústrias Gráficas e Transformadoras do Papel - APIGRAF (Portogallo). Inoltre, è stato sostenuto da un esperto tecnico: Spin360.

I risultati 

I millennial e gli stampatori della Generazione Z del presente e del futuro hanno aspettative diverse dai loro datori di lavoro. Poiché queste generazioni sono ora il più grande gruppo in cerca di lavoro, le aziende che non possono reclutarli stanno perdendo masse di potenziali talenti, un problema che aumenterà col passare del tempo. Le aziende devono adattarsi e offrire più di un semplice stipendio. Luoghi di lavoro digitalmente connessi di supporto, inclusivi e non gerarchico dovranno essere la norma e l'equilibrio tra lavoro e vita privata connotati da un dialogo costante tra datori di lavoro e lavoratori. Inoltre, la stampa è un elemento creativo e intrinsecamente sostenibile del settore. Le aziende devono dimostrarlo continuamente, sia internamente che esternamente.

Fatti e cifre nel reclutamento

L'area più importante da affrontare nel reclutamento dei giovani è quella relativa all'immagine e alla conoscenza che i giovani – e anche i loro genitori – hanno del settore. 

Il primo problema comune è che le persone non siano affatto consapevoli di cosa possa essere un lavoro nell'industria della stampa. Infatti, l'82% degli intervistati dell'indagine ha affermato che l'attrattività del settore è attualmente un problema. A questi è stato chiesto anche di valutare possibili soluzioni da attuare per risolvere il problema, e le questioni più votate riguardano la necessità di rielaborare l'immagine del settore in un'ottica più nuova per poi creare un percorso di carriera per i giovani e una campagna di comunicazione orientata. 

La scarsa conoscenza, infatti, è spesso associata a una cattiva immagine del settore: la percezione comune è che l'industria della stampa è in progressivo declino a causa della sua anzianità (legata cioè solo alla produzione di libri di carta o giornali) e che lavorare nella stampa non garantisce un futuro stabile in termini di reddito e sicurezza del lavoro. Inoltre, il settore è considerato non rispettoso dell'ambiente, anche se questo non è vero

Questa è una questione cruciale da considerare, perché i giovani sono sempre più interessati a contribuire e ad affrontare le sfide climatiche e raggiungere gli obiettivi di sostenibilità. Pertanto, il settore dovrebbe riflettere su come sfruttare tali valori e attrarre i giovani, mostrando loro che il settore contribuisce attivamente a un futuro sostenibile ed è conforme ai requisiti di sostenibilità. 

Un esempio è che i prodotti di stampa sono realizzati con una materia prima rinnovabile e riciclabile. L'Europa ha un tasso di riciclo della carta del 73,9% e sale all'82,9% se si considerano gli imballaggi in carta e cartone. Pertanto, nell'ambito delle strategie di attrattività, il settore dovrebbe riflettere su come comunicare l'importanza, il potenziale e l'ampia gamma di possibilità all'interno della stampa. 

Il pubblico generalmente ritiene che i prodotti di stampa siano limitati a libri, giornali e riviste. Questo però non è veritiero. Questi tre prodotti costituiscono solo il 14% di tutti i prodotti stampati. Gli imballaggi, che costituiscono oltre il 50% della produzione di stampa, svolgono un ruolo enorme nella nostra vita quotidiana e sono spesso trascurati. 

Un'altra componente cruciale affrontata nell'indagine riguarda l'istruzione e la formazione: il 59% degli intervistati ha percepito come problematica la questione della disponibilità e dell'attuazione di programmi di formazione professionale specifici per settore. Avere scuole superiori tecniche specifiche per il settore è la soluzione che ottiene la maggioranza dei voti, con alle spalle apprendistato e formazione on the job. Anche la capacità di fornire ai giovani programmi di orientamento e strumenti di informazione sulla carriera deve essere rivista e una possibile best practice è il collegamento tra i programmi di formazione aziendale e le opportunità di carriera. 

L'apprendimento permanente e i certificati sono altre due questioni importanti per il riconoscimento e la possibilità di trasferire delle competenze. Per sostenere la mobilità all'interno dell'industria della stampa a livello dell'UE, i partecipanti al sondaggio sulle assunzioni hanno anche suggerito di concentrarsi sugli incentivi pubblici e sul sostegno finanziario, seguiti dalla formazione per superare le barriere linguistiche.

È inoltre necessario rivedere il ruolo degli uffici di consulenza professionale e per l'impiego, che potrebbero aiutare i giovani a trovare la loro strada nel settore della stampa. Ciò può essere affrontato attraverso programmi di comunicazione specifici sulle possibilità di lavoro nel settore, nonché una migliore informazione. Infine, un'altra questione riguarda la necessità di una ristrutturazione fondamentale del settore per poter attrarre i giovani e consentire un passaggio generazionale, dato che l'età media del settore è piuttosto alta e molti degli attuali lavoratori andranno in pensione nel futuro prossimo. 

Dai risultati dell'indagine sull'occupazione è evidente che, dalla fase di on boarding, il settore dovrebbe lavorare su strategie di fidelizzazione incentrate sullo sviluppo della carriera, sulla stabilità e sul coinvolgimento della forza lavoro. Inoltre, tra le possibili soluzioni, gli intervistati hanno proposto di istituire o rafforzare programmi di tutoraggio e di rivedere l'equilibrio tra lavoro e vita privata. Gli intervistati identificano la necessità di avviare o migliorare l'attuazione dei programmi di sviluppo delle competenze dei lavoratori. Le azioni proposte da intraprendere riguardano principalmente la possibilità di investire nell'apprendimento permanente, oltre a mettere a disposizione delle potenziali reclute una panoramica di tutti i lavori nel settore della stampa.

Workshop di alto livello e best practices

Tuttavia, per un'attuazione efficace, è fondamentale capire cosa vogliono i giovani quando cercano un nuovo lavoro e, di conseguenza, cercare di allinearsi alle loro aspettative. 

Questi possono includere, tra gli altri:
1. Forte valore aziendale e cultura;
2. Un'azienda focalizzata sull'impatto a beneficio sia della società che dell'ambiente, ad esempio una maggiore attenzione alla sostenibilità;
3. La possibilità di imparare sempre cose nuove e acquisire nuove competenze. Questo è anche legato a una pianificazione e sviluppo proattivi della carriera;
4. Il ruolo del coaching e del mentoring per la crescita personale: comprendere meglio atteggiamenti, inclinazioni, punti di forza e di debolezza;
5. Equilibrio tra lavoro, vita privata e benessere: questo include anche orari di lavoro più flessibili, sussidio per l'assistenza all'infanzia a casa e congedo parentale per i padri; ma anche maggiore attenzione alla salute attraverso le “giornate della salute”;
6. Un ambiente di lavoro moderno, flessibile e amichevole con una politica di “porte aperte”;
7. Piano salariale e pensionistico competitivo.

Altrettanto importante è anche comprendere le diverse esigenze e motivazioni nel lavoro che hanno le generazioni più giovani rispetto alla cosiddetta "Gen X" o "Boomers". 

Questioni importanti che sono state ulteriormente sottolineate dagli esperti del settore sono state, tra le altre:
• Necessità di una più forte cooperazione tra scuole e imprese;
• Necessità di una visione più ampia del potenziale del settore: sfruttare il potere digitale per raggiungere i giovani;
• Necessità di coinvolgere altre parti interessate oltre ai giovani (ad es. genitori e consulenti del lavoro). Queste parti interessate spesso non comprendono le diverse competenze necessarie per un lavoro sulla stampa o la varietà di posizioni che qualcuno potrebbe avere. I consulenti del lavoro hanno soprattutto bisogno di informazioni adeguate per poterle comunicare agli studenti. 

L'articolo completo è stato pubblicato su Rassegna Grafica 4 - Maggio 2022.
Players: INTERGRAF
© Copyright 2022. PrintPUB.net - N.ro Iscrizione ROC 35480 - Privacy policy