L’industria europea delle etichette autoadesive passa il test Covid

29 settembre 2020
Dopo due anni di modesta crescita annuale della domanda dell'1,5% nel 2018 e nel 2019, la pandemia Covid-19 ha aumentato la domanda europea di materiali per etichette autoadesive nella prima metà del 2020.
Il consumo di materiali per etichette nella più ampia area economica europea è cresciuto oltre l'8% rispetto al livello registrato nello stesso periodo dello scorso anno. Solo nel secondo trimestre, la domanda di materiali per etichette in bobina in pellicola ha addirittura superato il secondo trimestre del 2019 di quasi il 25%.
L'aumento crescente della domanda di materiali per etichette nella prima metà del 2020 è stato di quasi 320 milioni di mq. Più della metà (53%) era composta da materiali per etichette in film. In termini relativi, le regioni più gravemente colpite, Regno Unito, Irlanda e Europa meridionale, sono rimaste indietro rispetto alle altre (a due cifre), ma hanno comunque registrato aumenti considerevoli.

Chi sale e chi scende
L'eccessiva crescita della domanda complessiva nel primo mese (che molto probabilmente ha raggiunto il suo picco nei primi tre mesi della Pandemia, con l'economia europea in blocco) è stata attribuita al ruolo cruciale delle etichette autoadesive come abilitatori delle infrastrutture critiche nel tempo di crisi: cibo, sanità, cura della persona, prodotti sanitari e logistica della catena di approvvigionamento. Questo effetto è stato aggravato dall'accumulo di scorte presso rivenditori e proprietari di marchi e dal fatto che le famiglie bloccate hanno deciso di dedicare il loro tempo libero alla pulizia della casa e alla consegna a domicilio di beni e servizi. Infine, con il rilascio delle misure di blocco, difficilmente può passare inosservato che i prodotti autoadesivi svolgono un ruolo importante essenziale come indicatori di "distanza sociale".
D'altra parte, la domanda di etichette in settori "non essenziali" come l'automotive, l'elettronica, i viaggi e la ristorazione ha sofferto nella prima metà del 2020. I primi due settori sono anche i due ambiti che hanno registrato tassi negativi nel 2019 rispetto all'anno prima. Secondo i risultati preliminari della tredicesima edizione del rapporto semestrale Radar di FINAT, che sarà pubblicato a luglio, è la prima volta che due settori hanno registrato una contrazione dall'inizio del monitoraggio nel 2014. Come ha commentato il presidente di FINAT Chris Ellison: "Se alcuni segmenti del settore autoadesive sono riusciti a malapena a far fronte alle pressioni eccessive della domanda, altre hanno dovuto adattarsi rapidamente a un forte calo della domanda nel loro settore".

Investimenti e problematiche operative
Finora la sopravvivenza economica a breve termine ha prevalso sugli investimenti a lungo termine, ciò non era evidente solo nei beni di consumo e nei servizi, ma anche nelle proiezioni di investimento dell'industria delle etichette. Secondo lo stesso rapporto Radar, le aziende di trasformazione di etichette hanno avuto la tendenza a ritardare gli investimenti in attrezzature pesanti almeno fino al 2021, un anno che sarà pesantemente ricco di fiere, tra cui tre fiere Labelexpo in diverse regioni. Un'altra storia negativa sono le tensioni a livello operativo negli stabilimenti produttivi che da un lato hanno dovuto far fronte a una domanda eccessiva di soluzioni di etichettatura e ritardi nei pagamenti da parte dei clienti, mentre allo stesso tempo hanno dovuto affrontare interruzioni nella fornitura di materie prime e carenza del personale a causa di restrizioni Covid-19 e problemi di salute dei lavoratori.

Misurare i parametri del settore
Dallo scoppio della pandemia all'inizio di marzo, FINAT ha tenuto i contatti con i suoi membri online tramite regolari briefing Covid-19, riunioni zoom e, più recentemente, briefing FINAT.
Tra i pareri condivisi, Ralf Drache di Herma ha commentato: "Il nostro settore ha superato lo stress test. Nei mercati essenziali surriscaldati degli ultimi mesi, le aziende di etichette hanno dimostrato la loro flessibilità, resilienza e agilità. L'innata capacità del nostro settore di rispondere rapidamente alle circostanze dirompenti ha confermato il suo ruolo di partner affidabile e questo aprirà nuove opportunità per relazioni più aperte e collaborative lungo la catena di fornitura".
Francesc Egea di IPE Labels and Sleeves in Spagna ha confermato che ogni crisi porta anche opportunità, ma ha avvertito: "Il cognome di questa crisi è Paura. Dobbiamo quindi analizzare dove sono le opportunità e gestirle contro il rischio. Questi non sono tanto negli abbellimenti quanto nella funzionalità innovativa. L'innovazione può anche riguardare il servizio che stiamo fornendo o il modo in cui siamo organizzati. Il futuro ci richiede, come organizzazione, di essere più flessibili nel nostro coinvolgimento con i clienti e nella nostra catena di fornitura in termini di pianificazione e previsione".
David Ellen di Domino Digital Printing ha aggiunto: "L'innovazione è la linfa vitale di questo settore. Per quanto terribile sia stata questa pandemia, sta anche guidando ulteriori innovazioni e cambiamenti. In primo luogo, il monitoraggio e la tracciabilità della contaminazione delle persone creerà un'enorme spinta per il tracciamento a livello di prodotto, non solo per la sicurezza alimentare ma anche per i farmaci. Accelererà ulteriormente la tendenza verso una maggiore flessibilità e tirature più brevi".

Players: FINAT
© Copyright 2020. PrintPUB.net - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy