Manroland, evoluzione dell’offset e assistenza smart

5 gennaio 2021
Matteo Seghi, direttore generale di Manroland Italia e Paolo Vergani, Consulente tecnico e istruttore della società, raccontano quali sono oggi le strategie e gli obiettivi per il nuovo anno e le novità tecnologiche già disponibili sul mercato.
Dal 16 marzo 2020, Matteo Seghi è alla guida di Manroland Italia. Figlio d’arte nel settore grafico e con una lunga esperienza nel mondo della stampa, maturata in ogni reparto presso la storica Nebiolo, per poi passare nel mondo dell’usato, con la possibilità di conoscere tutte le qualità dei costruttori mondiali. Cosa vuole dire oggi entrare in Manroland e quali obiettivi vi siete prefissati a mediolungo termine?
Matteo Seghi: Ho assunto questo ruolo in un momento di mercato particolarmente difficile. Ma il sapore delle sfide galvanizzano le nostre vite ed io mi sto divertendo… Viste le restrizioni, ho dovuto attuare nuove modalità di contatto, in particolare con la rete commerciale. Ho sempre considerato i prodotti Manroland tecnologicamente eccellenti e performanti, ma ritengo che anche le risorse umane abbiano un grande valore per l’azienda. Per questo abbiamo deciso di implementare la rete vendita con nuovi agenti, in particolare in Lazio, Marche e Campania, in questo modo abbiamo coperto l’intero territorio. Da sempre ho operato condividendo i progetti con il mio team di lavoro, solo così ritengo di poter ottenere il massimo apporto dai miei collaboratori. Ognuno può contribuire con le proprie idee al progetto. In Manroland ho trovato un team con cui mi sento in sintonia, posso contare sulla competenza tecnica e la professionalità. Tra i miei obiettivi, vi è la creazione di un programma di assistenza smart, che garantisca un ciclo perfetto tra la vendita e il postvendita. Oggi Manroland Italia, pur essendo un brand storico tra i produttori di macchine da stampa offset a foglio e tecnologie correlate basate sull’eccellenza ingegneristica tedesca, si può considerare un’azienda under construction, non tanto dal punto di vista tecnologico, ma a livello di spirito di squadra e di marketing. Naturalmente, non abbiamo perso di vista i nostri clienti e prospect, anche in questo periodo abbiamo lavorato duramente per mantenere attivi i servizi essenziali e rispondere a tutte le esigenze della clientela. Vogliamo puntare su un’assistenza armoniosa per continuare a costruire un rapporto con i clienti. Le Manroland Evolution mi hanno conquistato. Il centro studi della Manroland ha toccato le note dell’avanzamento tecnologico, dell’innovazione e dell’armonia con le dita del futuro che accarezzeranno ogni nuova voglia di utopia dei nostri clienti. Ricordo che negli anni ‘70 la Roland era la offset amica degli stampatori, noi siamo ancora quelli. Oggi la casa madre ritiene la filiale italiana un driver per la ripresa, poiché abbiamo presentato tanti progetti che vorremmo mettere in atto e questo spirito è fondamentale per supportare i clienti e fare in modo che siano proprio essi a trarne maggiori benefici e opportunità. Siamo pronti a nuovi traguardi e i nostri clienti lo hanno compreso e ci stanno dando un grande supporto. L’anno prossimo, inoltre, Manroland compirà 150 anni e vogliamo rafforzare ulteriormente la presenza sul mercato.

Quali sono le novità tecnologiche?
Paolo Vergani: Negli ultimi mesi Manroland sta dando molta attenzione ai settori del medio e grande formato. Si tratta di un focus che abbiamo in progetto già da tempo, ma attualmente ci stiamo dedicando con particolare impegno in quanto sono i formati più trainanti. Manroland ha cambiato il suo approccio alla produzione e se in passato le macchine venivano costruite su una linea standard, oggi con l’avvento della famiglia Evolution possiamo fornire differenti standard tecnologici che danno agli stampatori livelli impareggiabili di efficienza, produttività e qualità. Con la linea 700 Evolution, Manroland ha creato un modello unico che, a seconda delle esigenze del settore e della produzione, viene adattato e personalizzato. Le configurazioni possono andare da una bicolore bianca e volta, passando alle 2, 4, 5, 6 colori fino alle più prestanti 8 e 10 colori in bianca e volta.
Naturalmente, in questo momento, stiamo puntando sulla Roland 700 Evolution Ultima, che recentemente è stata installata presso il gruppo Isem e ci sta dando grandi soddisfazioni. Sono macchine dalle configurazioni estremamente variabili e personalizzabili, con la possibilità di offrire lavorazioni particolari in un unico passaggio. La Roland 700 Evolution va poi a suddividersi in diversi modelli a seconda dei settori. Il modello Elite è la macchina di punta disponibile nel formato 3B per le applicazioni commerciali e 3B Plus ideale per il packaging. Sono accessoriate con le più moderne tecnologie, il sistema Direct Drive che oltre a ridurre notevolmente i tempi di avviamento corregge la lunghezza periferica della stampa, il sistema spettofotometrico e densitometrico Inline Color Pilot che rileva i livelli di densità e colore e crea dei report in automatico. Molto ricercato è anche l’Inline Inspector, la fotocamera che rileva i difetti sul foglio stampato fino a una misura di un decimo e mezzo unico nel suo genere per precisione. Questo dispositivo si abbina con altri, quali il sistema di scarto del foglio in uscita Inline Sorter o l’Inline Numbering, che consente la tracciatura del foglio stampato.
La Roland Evolution Speed è la macchina ideale per alte produzioni di packaging e converting. Nel formato 106, raggiunge i 20000 fogli/ora. Ci sono poi le macchine destinate ai lavori più comuni in ambito commerciale. I dispositivi opzionali sono sviluppi delle funzionalità che vanno ad arricchire i sistemi; vengono sempre più aggiornati per cercare di mantenere la velocità e la produttività crescente della macchina e migliorare il livello qualitativo degli stampati. Privata del palcoscenico di drupa 2020, entra a fare parte della famiglia Evolution la nuova Roland 900 in formato 145. Nata dalla consolidata ingegneria di casa manroland e accessoriata di tutte le più avanzate e moderne tecnologie si pone come riferimento nel mercato del packaging e non solo, ne è la dimostrazione la nuova Roland 900 Evolution è in consegna a Firenze dal Bandino, un’azienda che da sempre ha fatto del suo plus la lavorazione per conto terzi. Infine la 900XXL per il grande formato, la offset a foglio con voltura unica nel suo genere in grado di stampare 64 pagine A4 in un unico passaggio.

Da sinistra Paolo Vergani, responsabile commerciale e Matteo Seghi, rispettivamente direttore generale Manroland Italia

Leggi l’intervista completa sul n. di dicembre di Rassegna Grafica

Players: MANROLAND ITALIA
© Copyright 2021. PrintPUB.net - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy