Stampa commerciale e packaging, il consumatore “aumentato”

27 aprile 2021
La stampa commerciale, insieme al packaging, non sfugge alla transizione digitale in quanto diventa sempre più “intelligente” e costituisce uno strumento di comunicazione attivo rivolto a persone di qualsiasi profilo.
Rivoluzionare un servizio, un prodotto o un oggetto richiede la totale comprensione dei precedenti sviluppi tecnologici al fine di consentire l’apertura di nuove possibilità e, in termini commerciali, di rispondere alle nuove esigenze poste dai brand owner. Il packaging non può ignorare questo tipo di trasformazione, né la stampa commerciale in generale. Riconoscimento delle immagini e computer vision sono due tecnologie che puntano a una grande rivoluzione nell'interazione tra l'uomo e il packaging.
I segnali sono lampanti, bisogna solo analizzare come sono emersi nuovi casi d'uso negli ultimi due anni. Nel giro di pochi mesi la nozione di "scansione" è diventata un concetto accettato e diffuso: basta guardare l’app YUKA e l'esplosione dei lettori di codici a barre negli store Apple o Google.
Stranamente, la semplice scansione di un EAN 13 su un prodotto era già comune dalla fine degli anni '70, ma fino a poco tempo la decodifica di un codice a barre consentiva solo la connessione a una rete locale e l'estrazione di informazioni di base come il prezzo. Inoltre, lo strumento di decodifica utilizzato, il lettore di codici a barre, non era affatto diffuso. Oggi gli smartphone con fotocamera, domani gli occhiali da lettura connessi, aprono il campo delle possibilità in una rete aperta in cui tutti i sistemi informativi sono ricercabili in tempo reale tramite API.
YUKA ha appena adempiuto alla sua missione con informazioni in tempo reale in un contesto di sfiducia dei consumatori nei confronti dei prodotti di largo consumo sempre più criticati per la loro dichiarazione di origine o per la loro composizione.
Il mercato del packaging ei brand owner hanno quindi bisogno di integrare queste dimensioni. I marchi leader hanno già iniziato a farlo. Invece di utilizzare Google ed effettuare una ricerca, iniziamo a scansionare il nostro ambiente per ulteriori informazioni sulla dimensione fisica.

Si parte dal PDF
La realtà aumentata associata alla stampa diventa il punto chiave. Se oggi è sempre più naturale tirare fuori il proprio smartphone per "scansionare" un codice a barre, un codice QR o anche un'immagine per ottenere informazioni, allora i professionisti del settore grafico hanno l’opportunità di offrire alla clientela tali contenuti interattivi.
È necessario prendere coscienza e prepararsi alle questioni che circondano l'emergere dell'editoriale virtuale. Tutto inizia dal file PDF, che è il punto di partenza di ogni articolo stampato e imballaggio.
Oggi il file PDF incorpora (o può incorporare) tutte le informazioni necessarie per il completamento del lavoro di stampa, ad esempio spazio del colore, separazione, contenuto, forme ritagliate, piegatura, ecc. Il PDF entra quindi in un flusso di prestampa per alimentare l'intera catena di produzione grafica. E gli elementi di connettività?
Da qui, le sfaccettature della confezione stampata (lati, pieghe, facce) possono incorporare strati di "informazioni virtuali" che sono leggibili dai clienti finali anche in volumi di massa tramite la semplice scansione della confezione stessa o dei vari codici presenti (QR code, 2Dcode, codici a basse) o leggendo il PDF tramite un semplice browser che attiva o nasconde i livelli aggiuntivi.

Due mondi paralleli e complementari
Le soluzioni di realtà aumentata danno accesso a editoriali virtuali, una veracaratteristica dell'era post-produzione, a manager di campagne (digitali su PDF o fisiche su carta) e a una gamma di strumenti per la riproduzione (App, WebApp, WebAR o semplice browser per PDF aumentati).
Le aziende produttrici di imballaggi hanno visto questo nuovo segmento come una naturale evoluzione del proprio processo produttivo. L'oggetto finale della confezione stampata diventa esso stesso uno strumento di comunicazione e, in tutti i modi possibili, è l'utente finale che sceglierà il proprio modo di interazione: NFC (se il packaging ne è dotato), Image Recognition e Realtà Aumentata, Scan Code, o anche l'attivazione di livelli virtuali nel formato digitale stesso, il PDF. In tutti questi casi accade oggi attraverso un semplice smartphone, ma presto diventerà un’abitudine farlo anche attraverso gli occhiali che si indossano.
La maggior parte delle soluzioni professionali presenti sul mercato offre uno strumento di archiviazione cloud per tutti i contenuti virtuali aggiuntivi e per la connessione al documento stampato. Solo pochi editori incorporano tali contenuti nel file PDF sorgente originale senza modificarne l'integrità. Per i grafici, è compatibile con gli standard PDF / X e PDF / A e supporta fino alla versione PDF 1.7.
Infine, e questa è la vera sfida, tutto il contenuto aumentato può essere modificato in tempo reale dopo la stampa. La personalizzazione in post-stampa è finalmente possibile e spazza via l'ingombrante processo di controllo della super-personalizzazione promesso dalla stampa digitale. Questi due mondi però non si scontreranno, anzi saranno totalmente complementari: uno grazie alla personalizzazione dei segmenti, l'altro alla personalizzazione dell'utente finale.
Come abbiamo visto, i nuovi casi d'uso si sono diffusi molto rapidamente, poiché la tecnologia rende più facile l'accesso a un servizio utile. Il caso di YUKA è interessante perché è facile sfogliare il database dell'Open Food Fact attraverso il codice a barre, senza dover passare attraverso una ricerca convenzionale di informazioni tramite un motore di ricerca, e dare un punteggio per un prodotto. È diventato così virale che i produttori devono perfezionare e adattare le formulazioni dei loro prodotti per aumentare i loro punteggi su tali app per utenti finali. Per l'industria grafica è ancora indispensabile esistere in entrambi questi mondi paralleli, digitale e non digitale; ma il mercato della grafica si sta digitalizzando e continuerà così con contenuti editoriali paralleli su tutti i documenti per renderli "aumentati".

Fonte: Christophe Bossut, co-founder of Argo - drupa

Leggi l'articolo sul n. di aprile di Rassegna Grafica
© Copyright 2021. PrintPUB.net - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy